ATTEGGIAMENTO POSITIVO O AUTOCONVINCIMENTO FORZATO?

lunedì 10 giugno 2013

Oggi seconda ecografia e secondo prelievo di E2 e Progesterone. 
L'estradiolo è 3129 e il progesterone 0,54. Dall'ecografia si sono visti una ventina di follicoli, 10 da una parte e dieci dall'altra. Oggi devo continuare la terapia con 100 di Gonal-F, la mezza fiala di Decapeptyl e le due fiale di Luveris. Domani 7500 di Gonasi e giovedì mattina Pick-Up. 
Non mi sembra vero, siamo già quasi arrivati al giorno del Pick-Up. 


La prima ICSI è stata un'esperienza disastrosa, inutile negarlo. E' chiara e viva dentro di me. La sera prima del Pick-Up ero molto ansiosa (molto non rende bene l'idea) e volevo mandare tutto a puttane. E' stato mio marito a spronarmi ad andare avanti e per questo l'ho anche ritenuto colpevole. Perché colpevole? Perché dal giorno del Pick-Up la mia vita è stata una lunga discesa verso il baratro. E dentro di me incolpavo lui perché LUI aveva il DOVERE di fermarmi, visto il mio stato d'animo. LUI DOVEVA PROTEGGERMI e non costringermi a fare qualche cosa che il quel momento il mio corpo si rifiutava di fare. Non voglio scendere nei dettagli, ma dopo il tentativo andato male ho iniziato a soffrire di ansia e di attacchi di panico. E' stato così per due lunghissimi anni. Due anni in cui avevo il timore di andare a fare la spesa da sola perché avevo paura di svenire. Ero totalmente dipendente da qualcun altro, qualcuno di cui mi fidassi veramente (quasi sempre mia sorella). Se riuscivo evitavo di uscire o di andare a pranzo o a cena fuori. Due anni in cui ho messo in discussione il mio amore e il mio matrimonio. Due anni in cui mi sono privata delle piccole cose e delle gioie quotidiane. Due anni in cui mi sono "dissanguata" cercando di curarmi con l'omeopatia, la pranoterapia e anche l'agopuntura. 
Lo scorso anno però ho deciso di tentare il tutto per tutto. Sono andata da una brava psicoterapeuta, mi sono presa le mie gocce di antidepressivo e ne sono uscita fuori. 
Ora capite che la mia paura non è tanto legata a un eventuale fallimento ma è più quella di perdere  la serenità che finalmente ho ritrovato. Qualcuno di voi potrebbe giustamente suggerire di lasciare le cose come stanno e di non rischiare di compromettere l'equilibrio interiore finalmente ritrovato per un tentativo che non ha nessuna certezza, per un sogno che potrebbe non realizzarsi mai. Si è vero, potrei lasciare le cose come stanno, ma tra qualche anno potrei ritrovarmi a interloquire con me stessa e rimproverarmi di essermi posta dei limiti per il timore di affrontare le mie paure. No, no posso e non voglio essere spettatrice di questa partita, la posta in gioco è alta e devo giocare bene le mie carte.  No, non posso e non devo lasciarmi dominare dalla paura di fallire. No, non posso e non devo pormi dei limiti. 
Perciò affronterò questa nuova sfida senza sentirmi diversa, senza sentirmi una "sfigata", e se non dovesse andare come spero anche se sarò delusa e triste, riuscirò comunque a essere fiera di me stessa per essere riuscita ad affrontare questa prova con saggezza e dignità.
Come mi ha scritto un'amica che ci ha già provato 4 volte... NOI "SPECIALI" SAREMO OTTIME MAMME. Si, perché noi non siamo difettose, noi siamo SPECIALI, e scusate se è poco.

Ora secondo voi sto solo cercando di essere positiva o mi sto autoconvincendo che l'ansia non prenderà il sopravvento il giorno prima del pick-up?

Sob... O_o

13 commenti:

  1. Un po' di timore ti accompagnerà sempre...ma non ha nulla a che vedere con la prima volta. Anche per me è stato traumatico, al di la del negativo, ho vissuto male tutto sin dall'inizio. Questa volta ho affrontato tutto diversamente, con una nuova consapevolezza...sapevo già cosa stavo per vivere, le ansie, le paure erano le stesse ma ero io ad essere diversa. Vedrai che andrà bene...in ogni senso.
    Un forte abbraccio alessia

    RispondiElimina
  2. andrà bene...ora è diverso.
    secondo me stai andando forte davvero.
    un bacetto e siamo tutte qui

    RispondiElimina
  3. Sono convinta che il percorso difficile che hai fatto non lo hai fatto invano...la sofferenza fa crescere e imparare, fa diventare più forti, e infatti affronterai questo nuovo tentativo in modo del tutto diverso, ne sono sicura!!! Avrai un pò di paura, certo, ma anche l'emozione di essere questa volta consapevole e padrona di te stessa! E poi..questa volta hai NOI!!! Che ti stiamo vicino anche se a distanza e facciamo tutte il tifo per te!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Bacio!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Coraggio apprendista, dall'esperienza precedente hai imparato che a volte non siamo pronti per affrontare certe sconfitte,ma ora sei piu' forte e io sono sicura che comunque vada sara' un successo....

    RispondiElimina
  5. Mi unisco alle altre: stai già andando forte! Non ti rendi conto di essere già un passo avanti rispetto alla volta scorsa? Eccoti, pronta, ne parli a noi, ti confronti! Immagino che sia impossibile affrontare tutto questo come se niente fosse, a cuor leggero, quindi un pò di preoccupazione è normale! Ogni tanto quando mi prende l'ansia penso: hei ma se poi arriva davvero questo pupo, che faccio? Mi faccio divorare dall'ansia? Soffoco la creatura con la mia ansia?? Nooooo, meglio fare esercizio già adesso e allenarmi ad allontanarla questa ansia, così se arriva sarò pronta, se non arriva...beh, sarò comunque più serena!
    Perciò per rispondere alla tua ultima domanda: è questione di allenamento, sia alla positività che all'allontanamento dell'ansia! Continua così!

    RispondiElimina
  6. L'ansia è una brutta bestia e noi tutte ne sappiamo qualcosa. Però possiamo imparare a non darle ascolto. Lo so, è difficile, ma per stare bene e per far star bene i nostri cuccioli si impara anche questo. Coraggio! Noi siamo tutte con te.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Io ti penso...sappilo!!!E incrocio le dita per te!!Un bel respiro e vai!!

    RispondiElimina
  8. Tesoro... so bene di cosa parli. Non ho mai avuto veri e proprio attacchi di panico ma mia mamma ne ha sofferto e io mi faccio spesso prendere da ansie e ipocondrie. Da quello che so, poco per carità, è che una volta superato il periodo, una volta che ne sei fuori sei più forte di prima. Un po' di ansia credo ce l'avrei sempre ma stavolta sarà diverso, vedrai.

    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  9. Tengo le dita incrociate per te!
    E ti capisco benissimo.... l'anno scorso la perdita di fagiolo e di una persona cara mi han fatto cader nel baratro degli attacchi di panico e ansia, non mi muovevo da sola, ti capisco benissimo, ma ora devi trovare la forza per affrontare questa nuova sfida! kiss

    RispondiElimina
  10. Anch'io sto tifando per te! Ora sei più forte. Ce la farai, sister. Coraggio!!! xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

    RispondiElimina
  11. bè un pochino d'ansia il giorno prima del pick è normalissima. però vedrai che la seconda volta è molto meglio, sei sicuramente più pronta! forza!

    RispondiElimina
  12. Grazie a tutte, domani penserò ai vostri commenti e alla forza che mi state dando.
    Un bacio grande.

    RispondiElimina
  13. Domani saremo tutte con te, e non perchè non ce la faresti anche da sola...
    ti abbraccio

    RispondiElimina

Blog Design by Nudge Media Design | Powered by Blogger