Normalità

martedì 19 novembre 2013

Sono stata dal gine per la visita di controllo. Il mio fisico si è ripreso perfettamente, le mie ovaie hanno ripreso a funzionare alla grande, ho già avuto la prima ovulazione e anche il primo ciclo post aborto/parto (ancora non so come chiamarlo). 
Ci ha ricordato che abbiamo 4 pinguini e che possiamo portarli a casa quando vogliamo.
Se decidiamo di riprovarci, procederanno con il transfer di un unico embrione. Nel mio caso c'è stato un problema di incontinenza cervicale (l'infezione è subentrata dopo), quindi meglio evitare una gravidanza gemellare. Il mio utero, in poche parole, non è stato in grado di reggere il peso crescente dei due feti.
Se devo essere sincera, questo problema mi spaventa meno di un'infezione arrivata da non si sa dove. 
Perché a questo problema c'è una soluzione, ossia un cerchiaggio elettivo tra la dodicesima e la quattordicesima. Ed è quello che ci consiglia pure il doc se io dovessi rimanere incinta.
Io però sento una grande tristezza a pensare a una nuova gravidanza e non avere i miei gemelli. 

Mio marito ha deciso di riprendere il Chiroman, l'integratore per la motilità dei soldatini. Il seminale della Fivet era perfetto, ma erano quasi 5 mesi che prendeva questo integratore, così ha deciso di riprenderlo, è convinto che ora una gravidanza arriverà naturalmente. 
Vorrei avere la sua stessa convinzione.
O forse no.
Il ricordo della perdita è ancora troppo presente.
Eppure…
Eppure, ci penso…
Si, penso già a un'altra possibile gravidanza, senza nessuna pretesa, senza nessuna aspettativa.
Ci penso e basta. 
Potrebbe capitare, e questo pensiero anche se mi spaventa, mi da speranza.
E' una sensazione strana.
O forse è solo un modo per ricominciare da qualche parte.

I miei bambini non ci sono più e la cosa che mi fa star più male è che tutto è tornato alla normalità, proprio come se non ci fossero mai stati.
Per tutti quelli che ci stanno vicino la mia gravidanza andata male è argomento tabù, come se non volessero farci ricordare.
Come se NOI potessimo dimenticare…
Eppure…
Eppure, io sto bene. 
Eppure, io non soffro quando vedo la mia amica o mia sorella felicemente incinte.
Eppure, non ci sono stata male quando ho saputo della gravidanza di mia cognata.
Sono "serena" e mi chiedo se ciò sia normale.
Normalità… 
Ci può essere una normalità per una coppia che ha subito quello che abbiamo sopportato noi?
Si.
Siamo molto più complici e uniti. Ci cerchiamo tantissimo. Ci desideriamo. Ci vogliamo, come mai prima.
Il dolore non ci ha distrutti, ci ha rafforzati, come singoli e come coppia. Non ci siamo abbandonati.
E io non cambierei questa nostra "normalità" con nessun'altra.
Perché noi ci amiamo. Perché noi ci rispettiamo. Perché noi siamo NOI. Perché per noi hanno un valore immenso i piccoli dettagli della nostra vita insieme
E credetemi non è cosa da poco. Conosco tante coppie che hanno figli ma non hanno quello che abbiamo noi (l'amore, il rispetto, la complicità). Non è una magra consolazione. E' una triste verità. 

E nella mia normalità, io ho ripreso a fare tutte le cose che facevo prima. 
Sono andata al minimarket di sempre, e sono riuscita ad affrontare gli sguardi compassionevoli delle persone.
Sono stata dalla mia parrucchiera a farmi i capelli e in posta a pagare le bollette.
Ho fatto le analisi nella clinica dove avevo fatto le beta.
Ho affrontato un colloquio di lavoro.
Ho ripreso a fotografare.
Ho deciso di partecipare a un Flash Mob.

E insieme…

Abbiamo fatto piccoli lavoretti a casa. 
Abbiamo deciso di andare via per Capodanno. 
Siamo andati al cinema a vedere il film di Checco (e abbiamo riso).
Siamo stati a cena con gli amici.
Abbiamo progettato e sognato il nostro imminente futuro.
E poi ci siamo amati.
E ancora.
E un'altra volta.
E nel familiare e confortevole abbraccio reciproco, davanti al caminetto acceso, ci siamo addormentati...

Normalità o Follia?
"Mantenetevi folli, e comportatevi come persone normali."

[Paulo Coelho]

29 commenti:

  1. Tesoro sono fiera di te, non sei affatto folle sei coraggiosa e meriti davvero tutta la mia stima. E poi cim'è che diceva quella canzone " ci vuole un po' di follia per mantenersi sani". Prendi tutto il tempo che ti serve. I tuoi gemellini ci sono stati per voi, è questo l'importante. E io so che torneranno.

    Bacio tesoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio vero quello che diceva la canzone mia cara amica ;)

      Elimina
  2. Sei una grande donna, siete una grande coppia. Il dolore può annientare e dividere o può rafforzare e unire. Voi avete scelto e trovato la strada più giusta. Amatevi ancora e sempre così, perchè la vita è uno schifo ma non ci deve annientare. Perchè c'è speranza per tutti, e noi dobbiamo essere forti e non arrenderci per sopravvivere in attesa di un futuro migliore, cercando di nutrirci del poco di bello che abbiamo. Ti ammiro tanto e ti sono vicina. Quanto mi piacerebbe conoscere dal vivo tante stupende donne

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io vi vorrei conoscere tutte dal vivo e chissà che un giorno forse riusciremo ad organizzarci <3

      Elimina
  3. questo sembra un pò il posto che ho scritto io l'altro giorno. hai ragione siamo già molto fortunate ad aver trovate l'amore quello vero, a stare bene in coppia. Anche io sto bene, non piango mai e la cosa mi spaventa. penso già a una nuova gravidanza, mio marito anche crede che arriverò da sola ma io sinceramente non mi illudo penso già alla seconda fivet a volte con paura a volte con speranza..... ti abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  4. Cara, sei bravissima!! Siete bravissimi!! Avete reagito nell'unico modo possibile per non farvi travolgere, e cioè puntare su voi due, restare uniti, ancora più uniti, e apprezzare l'immensa fortuna di avere ognuno incontrato l'altro, di avere il vostro Amore e la vostra vita insieme. Parte tutto da qui, anche io me lo ripeto ogni giorno!!! E poi le cose prenderanno il loro corso, intanto procedete giorno per giorno e sono sicura anch'io che i gemellini da lassù vi manderanno un altro fratellino!!!! Ti abbraccio fortissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro. Ti abbraccio forte forte pure io <3

      Elimina
  5. tesoro, grazie. Sei riuscita a mettere nero su bianco quello che stiamo vivendo anche noi. Anche io mi stupisco di me stessa, anche io mi stupisco di noi. Anche io ci penso e mi fa strano pensarci. Anche noi non possiamo dimenticare, anche noi siamo sereni. Anche noi ci amiamo tanto. Perchè il dolore può unire ancora e ancora. E per fortuna non ci ha divisi. Anche io ci penso, anche io sono spaventata e speranzosa allo stesso tempo.
    Grazie per avermi fatto leggere un pò di me in te...
    Ti abbraccio davvero forte.

    RispondiElimina
  6. che bello...che bella la vostra meravigliosa normalità. Avete affronatato un dolore enorme e siete rimasti uniti. Vi auguro con tutto il cuore di arrivare molto lontano insieme.

    RispondiElimina
  7. Passione, e normalita'. Perche' la vita ha sempre la meglio. Dai, un passetto per volta, siete sulla buona strada.

    RispondiElimina
  8. Bella lei. Che meraviglia. E' un dono che tu condivida il tuo dolore, il tuo coraggio, il vostro amore. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  9. Mi piace come vivi il tutto:-)....

    RispondiElimina
  10. Ho avuto un'esperienza molto simile alla tua (rottura precoce delle membrane alla ventesima settimana) anch'io dopo tanti anni di ricerca e pma ... Anche nel mio caso questa tragedia mi ha legata ancora di più a mio marito ... Ti abbraccio e ti capisco.

    RispondiElimina
  11. Ho avuto un'esperienza molto simile alla tua (rottura precoce delle membrane alla ventesima settimana) anch'io dopo tanti anni di ricerca e pma ... Anche nel mio caso questa tragedia mi ha legata ancora di più a mio marito ... Ti abbraccio e ti capisco.

    RispondiElimina
  12. Cara rileggo qua ora quello che ci siamo dette la settimana scorsa al telefono
    sei sana e perfetta cosi come sei
    nel corpo
    e nella mente
    lo è tuo marito
    lo è la vostra coppia
    State ancora portando i vostri kili di dolore
    e intanto si iniziano a intravedere etti di speranza
    e a me sembra proprio che vada benissimo...

    RispondiElimina
  13. questa tua normalità è bellissima e commovente.
    mi ci sono ritrovata interamente.
    comprendo ogni tua parola.

    RispondiElimina
  14. hai preparato il giusto spazio al dolore, ed esso ha messo radici dove doveva senza contagiare la tu aintera realtà...
    ci vuole molto equilibrio e molta bellezza interiore per farcela mia cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la mancanza di equilibrio che alle volte ci frega. Un abbraccio Pata ;-)

      Elimina

Blog Design by Nudge Media Design | Powered by Blogger